Una strana festa del papà. Cronache dal Corona virus. 4.

Il 19 marzo appare ormai chiaro come questa situazione di blocco totale sia urgente quanto drammatica, e si comincia a contingentare anche l’accesso ad attività che prima ci parevano necessarie, come Poste e supermercati.

Oggi è una strana festa del papà, la più strana da sempre per chi ha almeno due figli adolescenti o ancor più piccoli.
I ragazzi stanno vivendo un periodo ingiusto, come gli anziani, che a Milano sono lasciati morire nelle case di riposo.
E’ un periodo di impotenza oggettiva, ma la sofferenza a cui sono sottoposti i più piccoli, con le privazioni dell’immobilità permanente, dell’interattività dell’istruzione, del bombardamento di notizie che ne abbattono l’umore dovrebbero perlomeno essere considerate dall’opinione pubblica.
Insieme alla sofferenza dei padri, che ne devono alleviare la sensazione di ineluttabilità.
Oggi i padri meritano questa festa, meritano che questa festa, per una volta, venga presa sul serio.

E’ il quindicesimo giorno di reclusione forzata, e ormai si esce soltanto per una veloce spesa e per pagare le bollette. Le strade sono deserte. Ogni tanto sfreccia un’auto, forse diretta a uno degli ultimi avamposti lavorativi. Le giornate sono molto stancanti. Rimanere a casa tutto il giorno è dura. Le stesse lezioni interattive, in sincrono, in asincrono, i corsi a distanza, le chat, le correzioni delle verifiche sulle piattaforme, assorbono molte più energie delle antiche lezioni, quelle reali, con gli esseri umani in carne e ossa, dove sputavi l’adrenalina in un reciproco scontro d’umori.

Intanto scende la sera sul piccolo mondo sopravvissuto al Covid-19… il porto, i duecento metri da percorrere per arrivarci e poi tornare, per affacciarsi nuovamente dal balcone di casa.

Sembra l’inizio di un racconto di Brown, ma è la realtà di oggi, purtroppo.

Giovedì 19 marzo 2020.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...