Libri. Lo scorpione nello stomaco, di Ilario Carta.

 

Mentre si è in procinto di celebrare la Prima giornata della Conciliazione, voluta dal neo eletto capo del governo Pier Francesco Baroncelli Dal Monte, Libero Colombelli, Marzio Aregoni e Arturo Milone vivono ognuno a proprio modo le attese di un evento che potrebbe ulteriormente cambiare i destini delle loro esistenze…
È l’inizio dell’intrigante romanzo, dal titolo “Lo scorpione nello stomaco”, che Ilario Carta ha da poco pubblicato per i tipi di Arkadia, giovane e promettente Casa editrice cagliaritana.
Quando Milone viene riconfermato nel ruolo di Segretario, molte delle speranze iniziali sembrano dissolversi di fronte alla granitica efficienza di un leader che non a caso sembra ricordare le figure dei nostri attuali politici, da Berlusconi a Renzi allo stesso Putin, un’efficienza fondata sulla ricerca maniacale di un consenso unito a una discutibile considerazione dell’universo femminile, quasi coreografica.
Tecnocraticismo. È questa è la parola che esplode nel pieno della prima conferenza stampa del nuovo capo del governo. E subito dopo arriva lo show, condito da battute fulminanti. E nel corso dei successivi interventi, la demolizione del linguaggio superato della vecchia politica e il ridimensionamento del ruolo della Stampa e dei Sindacati.
Il programma dell’epocale giornata si dipana nella sua meticolosa precisione, che uccide sul nascere ogni pur legittimo atto di ribellione, e intanto, al racconto della maratona politica, si alternano i ricordi di un uomo che complotta ai danni del nuovo leader. Pagina dopo pagina, questo diario entra nell’intreccio, acquistando i toni del memoriale destinato a chiudere i conti con il passato. Non importa da chi sia scritto, anche se alla fine lo capiremo, importa invece il duro atto d’accusa a una politica fatta di privilegi ed egoismi, anche nel partito che questi privilegi dovrebbe combatterli e invece li avvalla con una condotta vigliacca e conformista.
E qui l’autore tocca il punto più alto della sua narrazione, in un crescendo di rivendicazioni che, mentre la Giornata avanza con il suo lugubre ritmo, sembrano perdere gran parte del loro legittimo significato originario.
Un libro forte, diverso, attuale, che va letto e meditato, con un occhio al nostro personale percorso di demotivati cittadini moderni. Un pugno… uno scorpione nello stomaco più che salutare. Necessario.

9788868511357

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...