La neve a Cagliari.

uid_1432986e3f4.640.0.jpg

Tre giorni di pioggia ininterrotta a Cagliari, che è come dire improvvisi e fitti fiocchi di neve nel cielo di Gaza.

Incontro Giulia in un caffè etnico a pochi passi dai palazzi dello sport.

Giulia è la prima destinataria dell’ultima dozzina rimasta del mio primo piccolo libro, La neve a Gaza.

L’ho chiamata chiave dell’amicizia, quest’operazione, e ve la documenterò finché l’ultima di queste preziose, ormai introvabili copie, verrà recapitata.

Un’esca per ripescare vecchie, intense amicizie che Facebook paradossalmente narcotizza.

Giulia l’avevo lasciata, incrociata all’Università, giovane appassionata di arte contemporanea, e ritrovata proprio su Facebook geniale fotografa, unica nel suo genere, quello nato dai tasti dell’Iphone e diventato sfumata arte virtuale, grazie anche a lei, unica in Sardegna.

Seduti al tavolino più  appartato del locale scopro però  una Giulia più forte della sua immagine virtuale, donna determinata oltre gli hobby e le difficoltà della vita.

Ė il miracolo del libro, mi dico, e mentre ci salutiamo sotto la pioggia ci promettiamo di replicarlo quel miracolo, nel teatro della realtà lontana da Facebook.

Domani, anche grazie a lei, incontrerò il dolce anarchico Mario, che ama la storia e i suoi figli…

Grazie Giulia.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...